Come prendersi cura di genitori anziani vulnerabili

assistere genitori anziani

Con l’avanzare dell’età anche i propri genitori devono affrontare una serie di trasformazioni e sfide, una situazione che va gestita al meglio con un supporto adeguato da parte dei figli. Alcune persone sono più fortunate e hanno dei genitori in perfetto stato di salute anche durante la terza età, in altri casi invece patologie e disturbi possono rendere più complicata questa fase della vita.

Accudire i genitori in casa o presso una residenza per anziani?

Quando un genitore diventa anziano possono sorgere una serie di problematiche, come una riduzione di mobilità dovuta a una caduta, oppure una perdita di alcune funzioni biologiche a causa di una malattia cronica o una patologia degenerativa. Se il genitore perde autonomia in modo parziale o totale è necessario fornire un sostegno adeguato, ad esempio assumendo una badante che possa assisterlo in casa oppure valutando l’ingresso in una residenza per anziani.

La scelta è una decisione del tutto personale, tenendo conto dell’aspetto economico, del benestare del genitore fragilizzato e del tipo di assistenza di cui ha bisogno. Spesso, però, l’abitazione dei genitori non è adatta ad ospitare una badante, oppure la persona vulnerabile ha necessità di un supporto professionale specialistico, che includa anche assistenza medica e infermieristica con un monitoraggio continuo.

In queste situazioni è opportuno cominciare la ricerca di una residenza per anziani adatta alle esigenze del proprio genitore, valutando soluzioni adeguate come le strutture di qualità gestite da Orpea Italia. Si tratta della divisione italiana del prestigioso Gruppo Orpea presente a livello mondiale, in grado di proporre una rete specializzata di case di cura neuropsichiatriche, case di riposo, RSA, residenze per anziani e cliniche di riabilitazione funzionale.

Le strutture di Orpea Italia mettono a disposizione un comfort alberghiero e servizi di assistenza sociosanitaria d’eccellenza, per fornire un supporto personalizzato ad ogni ospite in base alle sue fragilità e necessità. Ovviamente è importante sempre conoscere la struttura, per visionare di persona le attività svolte all’interno, la qualità della sistemazione privata e degli spazi comuni, il servizio di ristorazione e la professionalità del personale medico-sanitario presente nel centro.

Come affrontare la fragilità dei propri genitori

Le condizioni di fragilità di un genitore richiedono alcuni accorgimenti specifici, per aiutare chi si è preso cura di noi quando eravamo piccoli quando inizia a mostrare delle vulnerabilità. Gli aspetti da considerare in queste circostanze sono numerosi, cercando di fare in modo che i genitori possano continuare a usufruire di un benessere psicofisico ottimale anche da anziani e vivere serenamente.

Innanzitutto è importante coinvolgere tutta la famiglia, evitando di sovraccaricare una singola persona. Se ad esempio il genitore è ospite presso una casa di riposo, è possibile organizzare le visite tra tutti i parenti più stretti, per fare in modo che l’anziano abbia sempre degli stimoli sociali con delle persone a lui care. La condivisione fa bene all’anziano e ai suoi familiari, migliorando notevolmente la qualità della vita di tutte le persone interessate.

Inoltre, quando si trascorre del tempo con il proprio genitore è fondamentale ritagliarsi uno spazio riservato, prendendosi tutto il tempo necessario e isolandosi dall’esterno. Non bisogna mai portare i propri problemi all’anziano, in quanto si potrebbero trasferire ansie e stress a una persona che già sta vivendo un momento difficile e delicato, ma al contrario è indispensabile fare in modo che il tempo passato insieme sia allegro ed esclusivo.

In queste situazioni è importante imparare a sorridere, cercando di vedere i lati positivi per consolidare il legame con i propri genitori, anche se un’eventuale condizione di fragilità può causare tristezza e disagio. Ad esempio, è possibile apprendere ad affrontare gli eventi negativi con ironia, tentando di ridere di una possibile disavventura, oppure concentrarsi sugli aspetti positivi e i ricordi felici valorizzando questa ricchezza affettiva.

In ogni caso è essenziale preservare il rapporto con i propri genitori, superando qualsiasi difficoltà e situazione per non perdere un legame costruito nel tempo e indissolubile. La terza età può rappresentare uno scoglio difficile da superare per molti anziani, tuttavia il supporto dei figli esercita un effetto positivo in grado di fare la differenza. Naturalmente non bisogna mai tradire la fiducia di un genitore anziano, ma essere sempre sinceri per garantire che il rapporto rimanga solido e basato sul rispetto e la confidenza.

 

Se ti piace quello che leggi, condividilo!