I tre giorni della merla: quelli più freddi dell’anno

I giorni della merla, i tre giorni più freddi

La fine di gennaio o i ” tre giorni della merla” sono ricordati e rappresentati da sempre con paesaggi nevosi e suggestivi, strade e campi ghiacciati e mattine freddissime, ma allietate dal canto dei merli.

Anche il 2018 sarà freddo nei tre giorni della merla?

 

L’inverno si fa gelido nei tre giorni finali di gennaio oppure tra la fine di gennaio e l’inizio di febbraio. Tuttavia, secondo una media delle temperature degli ultimi anni i giorni della merla di quest’anno avranno delle temperature inferiori. In effetti, negli anni passati gli inverni erano molto più rigidi ed è per questo che la tradizione ha elaborato il detto dei tre giorni della merla riconoscendoli come quelli più freddi.

Fra storia e leggende

 

Si racconta che per trasportare al di là del Po un grosso macchinario chiamato Merla si dovette aspettare gli ultimi tre giorni d gennaio per far passare la macchina sul fiume che era diventato completamente gelato. Oppure si diceva che la Nobile signora de Merli aspettava proprio questi giorni di fine gennaio per andare dalla sponda opposta del Po passando sopra all’acqua del fiume che si era completamente ghiacciata. Ma la storia più comune ed anche la più graziosa è sempre stata quella di una merla bianca che per riparare dal freddo i suoi pulcini decise di entrare in un camino per qualche giorno dato che il freddo si era fatto glaciale. All’inizio di febbraio però uscirono tutti dal comignolo, scuri come la fuliggine e da allora la merla e i suoi piccoli furono sempre grigi.

E’ una favola o leggenda che si tramanda da generazioni e viene letta ai bambini nelle scuole. Ma esiste un’altra versione che parla sempre di una merla più furbetta che fece provviste per tutto il mese, senza uscire mai all’aperto. Al 31 di gennaio però pensò che il freddo fosse finito e allora fece capolino dal suo nido per cantare. Non aveva considerato che in quell’epoca il mese di gennaio aveva solo 28 giorni quindi per fare un dispetto alla merla stessa, gennaio si fece dare tre giorni da febbraio scatenando bufere di gelo e neve. La poveretta così trovò un altro rifugio per trascorrere tre giorni, senza rendersi conto di aver cambiato il colore delle piume che si fecero grigie come la fuliggine del caminetto dove si era riparata.

Previsioni per i tre giorni della merla

 

Prevedere se gli ultimi tre giorni di gennaio saranno da brividi non è così semplice come sembra, anche se i primi due mesi dell’anno sono di solito i più freddi in tutte le regioni, facendo una media tra il 1980 e il 2010. Tuttavia, nelle parti a Nord dello stivale il freddo sarà sicuramente maggiore, mentre sulle coste e nel centro si farà sentire da metà mese, e a meridione il periodo ghiacciato sarà quello dei primi 10 giorni di febbraio. In effetti, le regioni italiane hanno un clima completamente diverso da nord a sud, in parte anche mitigato dalla presenza del mare oppure dalle alte montagne alpine.

Si dice però che se i ” tre giorni della merla” sono piuttosto caldi la primavera inizierà in ritardo, mentre invece se questi giorni saranno freddi allora la primavera sboccerà rigogliosa.

Lascio un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>