Arredare il proprio giardino è un invito per gli ospiti a fermarsi

Come arredare il giardino

Molti di noi dicono che il giardino è un luogo in cui rilassarsi e godersi l’ambiente circostante, un piccolo oasi verde che ci porta via dalla routine quotidiana e dal cemento urbano, ma anche un luogo che richiede uno sforzo fisico senza fine. Detto questo, a prescindere dalla comodità dei posti a sedere all’aperto, un giardiniere devoto troverà difficile rimanere seduti a lungo con le mani in mano, perchè la passione per il giardino sta proprio nel prendersene cura e nel mantenerlo vivo, anche perchè, parlando per esperienza personale, tra erbacce e fogliame portato dal vento c’è sempre qualcosa da fare. Ma i momenti di relax non possono mancare, quando è possibile condividere il proprio spazio per una grigliata o per un aperitivo con gli amici non ci si tira mai indietro. Proprio in queste occasioni un bravo giardiniere ha la possibilità di mostrare la sua opera d’arte, tuttavia se non si ha esperienza in questo campo, ma si ha un giardino a disposizione come si può rimediare e fare in modo di rendere il proprio giardino piacevole per noi e per i nostri ospiti?

L’ideale è affidarsi ad un professionista in questo settore, un esperto garden design che incarna tutte le caratteristiche che riguardano un giardiniere appassionato del proprio mestiere, che con un suo team di pollici verdi riuscirà a rendere il vostro giardino unico,rispecchiando tutti i vostri gusti e soddisfando tutte le vostre preferenze. Questa opzione, però, non è una delle più economiche, la progettazione e conseguente realizzazione del proprio giardino è un po’ onerosa e se si ha voglia di imparare, tirarsi su le maniche e metterci un po’ d’olio di gomito la soluzione più adatta per voi è partecipare ad un corso di giardinaggio. Grazie a queste lezioni si può apprendere l’arte dell’arredamento da esterni, conoscere le piante e i loro processi di crescita e capire come realizzare con orgoglio un giardino coi fiocchi che vi possa gratificare di tutta la vostra pazienza e di tutti i vostri sforzi. Infine manca solo l’ultimo step per completare la tua opera, ovvero gli oggetti acquistabili che completano e abbelliscono il proprio giardino, come panchine, fontane, luminarie sedie e tavoli. A tal proposito vorrei darvi qualche consiglio sugli acquisti e su come comprare con criterio l’oggettistica per il vostro futuro luogo di relax.

  1. Provare prima di acquistare. Non importa quanto sia favoloso un pezzo di arredamento, se non è comodo non passerete molto tempo seduti su di esso.
  2. Verificare che sia resistente. Essendo uno spazio aperto, il proprio giardino sarà sicuramente soggetto ad intemperie, se l’oggetto in questione deve essere tirato fuori dal capanno ogni volta che lo si vuole usare e rimesso dentro ogni volta che c’è brutto tempo, non se ne farà molto uso.
  3. Abbinare i propri acquisti. Tutti gli oggetti comprati posso far invidia a tutti, ma se la composizione finale stona, il risultato ottenuto non sarà mai quello di partenza e il valore di ogni singolo pezzo si indebolisce.
  4. Abbinare i propri oggetti ai posti più adatti. Luoghi che richiedono una panca o un sedile, ad esempio, devono avere una splendida vista, come un ruscello o una radura boschiva, altrimenti spesso si perde il vero senso e connubio del proprio acquisto e lo spazio a disposizione.
  5. Unire il bello con il funzionale. Non dimenticare mai il motivo per cui si aquista un pezzo di arredamento, è vero può essere bello agli occhi ma quanto può essere utile?

Con questi pochi consigli potete fare i migliori acquisti per la disposizione del vostro giardino, quando andate da acquistare i vari prodotti, dai complementi d’arredo alle semenze, utilizzate esperienza e conoscenza che avete acquisito durante il vostro corso, senza farvi influenzare dalle promozioni e senza comprare per sentito dire!

Lascio un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>