Alter Ego, il dispositivo che legge i pensieri!

Alter Ego

E’ stato inventato un device chiamato Alter Ego, che legge i pensieri solo se vogliamo che lui lo faccia.

Questo termine, alter ego, proviene dal latino e significa “l’altro io” cioè il sostituto che prende delle decisioni per conto della persona medesima. In effetti, il concetto era noto anche nella storia o per esempio nel film di Mr. Hyde e Dr. Jekyll. Così, quando si parla di alter ego s’intende di solito un altro se stesso oppure un’altra personalità.

Il nuovo dispositivo tecnologico messo a punto recentemente non è così completo e profondo, ma sarebbe utile solo per ascoltare la voce interioreIn ogni caso, è sicuramente un articolo futuristico e ricco di aspettative perché nel momento in cui i pensieri verranno letti da Alter Ego, senza proferir parola, ci sentiremo come catapultati nella fantascienza.

In effetti, gli esseri umani di solito prima di parlare pensano, e questa attività viene considerata come una voce interiore dagli psicologi; un modo per sentirsi individui e dialogare con il nostro io.

Cos’è Alter Ego e chi l’ha inventato

 

I ricercatori del Mit di Boston hanno creato un dispositivo che legge il nostro dialogo interiore e capisce le parole pensate e non pronunciate.

A questo punto, ci viene spontaneo catalogarlo come una sorta di macchina della verità, anche se invece non è altro che un incremento ai comandi vocali e quindi al dialogo con i vari assistenti virtuali che già svolgono il loro compito. Basti pensare a Siri o a Cortana che usano la voce al posto della tastiera, mentre Alter Ego lavora sul pensiero invece che sulla voce.

Uno dei ricercatori afferma che questo semplice e poco ingombrante strumento ci permetterà di entrare nell’epoca dell’Intelligenza Aumentata, cioè l’insieme dell’intelligenza artificiale e della realtà aumentata. I sensori di Alter Ego coglieranno i deboli segnali di una parola pensata, e li trasmetteranno al pc che diventerà un assistente per mandare la risposta relativa all’auricolare. Con Alter Ego non verranno coperti né la vista e nemmeno l’udito, come con le cuffie o i nuovi visori.

Alla fine, i numerosi test eseguiti hanno riportato un bel 92% di comprensione delle parole contro il 95% del riconoscimento vocale; di conseguenza non ci resta che aspettare ancora un breve periodo di tempo, necessario per il perfezionamento, e dopo saremo in grado di esprimerci addirittura con i pensieri!

Lascio un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>